INPS E ” FALSI INVALIDI “ : ANCHE A VARESE RITARDI SULLA PELLE DEI PIU’ BISOGNOSI E INDIFESI.

inps,falsi invalidiAncora una volta l’INPS balza alle cronache dei media nazionali e provinciali per le disfunzioni che caratterizzano il suo operato .

Poco tempo fa il  presidente nazionale    Mastropasqua ha annunciato che nel 2010 è stato il revocato 23%  delle indennità di invalidità controllate . Sarebbe un’enormità se il dato fosse nudo e crudo .

In realtà si tratta del 23% di un campione ed inoltre  in tali numeri rientrano coloro  cui  è stata ridotta di l’invalidità di pochissimo in virtù di qualche lievissimo miglioramento o di differente valutazione della patologia esistente .

 A mio avviso ciò è possibile per il fatto che per moltissime patologie le tabelle ministeriali prevedono ,ad esempio, l’assegnazione della percentuale di invalidità dal 40 al 60% , per cui una commissione può lecitamente assegnare il 55%  è l’altra il 50 % .

Oppure la percentuale viene valutata   in modo diverso quando la medesima persona è affetta da più patologie che devono essere valutate con un calcolo particolare .

Non neghiamo che il fenomeno dei falsi invalidi   esista, ma deve essere ridotto alle giuste dimensioni ,chiamando in causa soprattutto i professionisti medici che, evidentemente  ,per motivi diversi , non sempre eseguono una valutazione corretta : specialmente  laddove la percentuale di invalidità non ha alcuna giustificazione .

Mentre l’INPS risottopone ad accertamenti anche persone da anni in coma conclamato,creando enorme disagi alla famiglia già provata da tali ,insostenibili ,situazioni, altre    migliaia e migliaia di cittadini   ( 2000 solo a Varese ) attendono di essere sottoposta alla prima visita collegiale secondo la normativa vigente .

Non sarebbe meglio che ,  stante l’attuale situazione ,tutte le risorse siano indirizzate a recuperare il pesante arretrato ?

Unitamente all’eventuale riconoscimento di invalidità, al di sopra di una certa percentuale e per certe patologie, i parenti dell’invalido hanno diritto ad un certificato,garantito dalla legge 104, che consente a lavoratori dipendenti  di  usufruire fino atre giorni al mese per assistere parenti invalidi

Senza il certificato l’azienda non può concedere tale agevolazione .

La lentezza dell’INPS danneggia sia la persona invalida ,sia i parenti che l’assistono .

Con buona pace del governo e del presidente Mastropasqua .

INPS E ” FALSI INVALIDI “ : ANCHE A VARESE RITARDI SULLA PELLE DEI PIU’ BISOGNOSI E INDIFESI.ultima modifica: 2011-09-16T17:15:00+00:00da andrea2191948
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento